Benvenuti nel mondo di Pitermòs - Giancarlo Niccolai 
Pitermòs   Sèritel - Storie e scritti Sonèv - Musica e poesia Divèn - Giochi e divertimenti  

Benvenuti nel mondo di Pitermos

Storie e scritti
Poesie e musica
Giochi e divertimenti

L'impero di Tharis
Il Drenn

Pitermòs, un mondo che vive inconsapevole alla soglia del tempo. È un luogo fantastico sospeso dalla magia e dalla potenza degli Dei in un medioevo, o forse in un rinascimento, perpetuo. È un luogo che gioca un ruolo principe nell'equilibrio dello spazio e del tempo, chiave di volta che si incastra nel fluire e rifluire dell'istante eterno che noi chiamiamo universo. Un mondo scelto un tempo come terreno di scontro fra epiche forze, come campo di battaglia tra civiltà dalle conoscenze illimitate, ma che seppe ribellarsi al destino che gli era stato imposto, piegando e mettendo in fuga coloro che tentarono di impossessarsene.

Eppure è un luogo abitato da uomini semplici e da altre creature che vivono la loro quotidianità come su qualsiasi altro mondo. Il ricordo delle potenze titaniche che si là si affrontarono a malapena riaffiora fra le leggende più remote e sconosciute, e quello che fu, specchio e origine di quello che deve ancora essere, giace ora innocuo nella memoria ancestrale della gente di Pitermòs. Ma un giorno, un giorono non lontano, le potenze latenti di questo mondo saranno scatenate, e allora l'immensità siderale non basterà a contenerle.

Dovrà nascere un universo nuovo.


Questo sito è visitabile con qualsiasi browser, ma per una migliore esperienza si consiglia l'utilizzo dei navigatori open source Mozilla o Konqueror. Per un esperienza più completa, scaricate qui il font Garamond e Mael (già disponibili in molte distribuzioni Linux).

Infine, per leggere i testi in Pitermossiano, è necessario scaricare il font Pitermossiano


L ' impero di Tharis

L'impero di Thàris è il più vasto territorio controllato da un solo governo su Pitermòs. Occupa tutta la parte occidentale del Continente Centrale, (il SènKòden), dal mare alle Grandi Montagne Muraglia. La capitale, Thàris, si trova relativamente lontana dalla costa, adagiata sulle sponde di un grande lago, a circa quattrocento chilometri dalla Grande Muraglia.

L'impero è diviso in una miriade di feudi, i quali fanno riferimento ad unità territoriali che godono di autonomia variabile, in base al potere politico e militare dei singoli governanti. L'imperatore di Thàris mantiene il controllo formale di tutto l'Impero, ed esige tributi di modesta entità, ma in realtà l'impero è organizzato come una federazione di feudi che, seppur largamente indipendenti, nutrono un forte attaccamento al potere imperiale. Si dice che "La luce dell'Impero riflette nei Signori."

Il regno del Drenn

Il Drenn è un vasto territorio che si trova nella parte nordorientale del Quarto Continente. è una regione fredda e inospitale. Si dice che i primi Drennìt abbiano abbandonato il Continente Centrale più di tremila anni orsono; dopo molti secoli nei quali sembravano scomparsi nel nulla, riuscirono ad organizzare uno Stato a capo del quale si trova un Generale che ha il potere militare, ed un Alto Sacerdote che ha il potere politico ed amministrativo. Si tratta di un popolo che, per sopravvivere alla crudeltà del luogo nel quale si era stabilito, è divenuto ancora più crudele. Violenza e sopraffazione sono gli unici valori in cui credono i Drenn, per i quali il più forte è destinato a vincere, e gli altri a servirlo, o a morire.

Essendo il territorio del Drenn molto freddo per sei mesi all'anno, le coltivazioni sono misere e non sufficienti al fabbisogno della popolazione. Per questo motivo, compiono regolarmente razzie nei confronti dei popoli confinanti, o anche di quelli più lontani; ragion per cui l'aggettivo "Drennèt" è comunemente associato al termine "pirata".



Il Mondo di Pitermòs©, Pitermòs© e Pitermossiano© sono protetti dal diritto d'autore.

È vietata la duplicazione del materiale contenuto in questa pagina e dello stile di carattere "pitermossiano" previa autorizzazione scritta dell'autore Giancarlo Niccolai.

Per contattare l'autore: Cliccate qui.